Facebook (non) è Morto

Sì, avete letto bene. Nonostante quanto si possa esser detto o sentito dire nel 2018, Facebook è ancora -e probabilmente rimarrà a lungo- uno strumento di business essenziale per le strategie di marketing dei brand.

In un interessante report realizzato dal popolare servizio di posting Buffer, è emerso che il 93.7% delle aziende usa -ed è correntemente attiva- su Facebook (il dato maggiore tra tutti i Social Network).

Sebbene si continui a notare un incremento considerevole nell’uso ed efficacia delle Stories, i post nativi di Facebook rappresentano ancora una vetrina importante all’interno del News Feed per generare traffico ed engagement sul brand.

Buffer, in collaborazione con BuzzSumo, ha elaborato i dati di oltre 777 milioni di post estrapolando alcuni concetti che abbiamo ritenuto interessanti e meritevoli di condivisione.

#1: Video, video e ancora…video!

Non si può parlare di strategia Facebook vincente senza menzionare i contenuti video: in media i post video su Facebook raccolgono il 59% di engagement in più rispetto a tutti gli altri tipi di post.

Al contempo -come si potrà ben immaginare- i post di tipo link hanno in media il 76% di engagement in meno rispetto ai post video. E sì, qualora ve lo stese chiedendo, questo vale anche per le fotografie caricate con un link nella caption.

#2: ❤️ & 😂

Escludendo i cari e vecchi “mi piace” sono “ahah” e “love” le reazioni più usate sui post Facebook. Questo conferma ancora una volta che gli utenti su Facebook vogliono trovare contenuti che li divertano o siano di ispirazione (o un mix di entrambe). La chiave è capire la propria utenza per iniziare a fornire contenuti mirati.

#3: Ispirazione, Divertimento, Utilità

Tre temi da tenere d’occhio per post di sicuro successo: ispirare le persone con video motivazionali, divertirle con card irriverenti o intrattenerle insegnando cose sempre nuove porterà a un aumento delle reazioni, dei commenti e delle condivisione e, quindi, ad un aumento della reach organica.

Ogni brand può creare contenuti di questo tipo, ma deve saper prima comprendere la propria utenza e individuare i temi d’interesse per le persone (piccolo suggerimento: noi siamo molto bravi a cogliere trend ed anticiparli… 😏).

Conoscere la community, ragionare da utente

Lo ripetiamo da sempre: inutile ragionare da “addetti ai lavori”, bisogna pensare e agire prima da membri della community e poi con un approccio marketing-oriented. A noi è una cosa che oramai vien naturale, ma ci sono moltissimi tool per approfondire la conoscenza della propria utenza tramite dati e informazioni dettagliate (da non dimenticare Audience Insights, all’interno di Facebook).

Analizzare, studiare, sperimentare, imparare e ripetere. Questo il processo per riuscire a raggiungere i risultati sperati…oppure affidarsi a chi lo fa di mestiere.

Prima la community, poi i contenuti

Nessuno vuole più seguire un brand che cerca solo di vendere qualcosa. Gli utenti vogliono vivere il brand, che ora più che mai -per citare il nostro Giorgio- deve parlare da “amico”: raccontare i retroscena di un’azienda, la storia delle persone dietro ad un brand, condividere le ricette di famiglia o i “trucchi della nonna”.

Utilizzo da mobile, soglia di attenzione ai minimi termini e poca voglia di impegnarsi a leggere: in un momento in cui i contenuti freschi e veloci rappresentano il successo, è importante porre la propria attenzione anche sulla creazione della community. Come?
1# liberarsi per un momento da obiettivi di traffico e di vendita e focalizzarsi su ciò che conta per le persone.
2# conversare e interagire con gli utenti, regalare un’esperienza memorabile che possano condividere con i loro amici.
3# avere pazienza e dedicare le giuste risorse per garantire la copertura necessaria allo sviluppo della community.

tl;dr Facebook non è morto, creare una community di successo è più complicato e soprattutto sì, avete ancora bisogno di noi 😀

Tagli a BuzzFeed, Huffington Post e Verizon, new media in crisi
New York Times, 700 milioni di ricavi solo con il digitale. Ecco come.
Messenger, ora si possono cancellare i messaggi come su WhatsApp
Instagram, arrivano i Quiz nelle Stories
Tendenze Social Media per il 2019
UFO Verde e Viola Protone: ecco i Trend dei Colori nel 2019
Facebook e la Chiusura “Preventiva” di Pagine e Gruppi
Facebook (non) è Morto
Il Cucchiaio d’Argento supera i 3 milioni di Fan
Ecco come funziona davvero l’algoritmo di Instagram
Arriva IGTV, la nuova app di Instagram per caricare video lunghi fino ad un’ora
Il nuovo logo di Canale 5? L’ennesima occasione mancata in casa Mediaset
Quattroruote al Salone di Ginevra: Sempre più Social, Sempre più live!
Pandoro o Panettone? Il Sondaggio live più virale di Facebook
Alice TV, Prima Diretta Mondiale in Simulcast Digitale Terrestre – Facebook
Il Cucchiaio d’Argento raggiunge quota 2 milioni di fan
Il Cucchiaio d’Argento: 1 milione di fan! 100 mila fan in soli 7 giorni!
Il Cucchiaio d’Argento, 100.000 fan in 30 giorni! Un caso di Successo
Red Bull “Non ti mette le ali” e scatta una sanzione da 13 milioni di dollari
Il Nuovo Spot per la Fiat 500X
Quattroruote Advisor, la nuova Welcome Page
#Ristoranti la nuova Mobile App firmata Il Cucchiaio d’Argento
Il Cucchiaio d’Argento, La Nuova Piattaforma Quiz per chi Ama il Cibo

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più: Info sui cookiePrivacy Policy