Tagli a BuzzFeed, Huffington Post e Verizon, new media in crisi

E chi lo avrebbe mai detto? BuzzFeed, Huffington Post e Verizon sono in crisi non nera, ma nerissima. Quelli che fino a qualche mese fa venivano considerati come la nuova frontiera dell’editoria e del giornalismo, si trovano ora a tagliare drasticamente stime, valore e posti di lavoro.

Negli ultimi giorni BuzzFeed e Verizon -che controlla Huff Post, Aol e Yahoo- hanno tagliato rispettivamente del 15% e del 7% la forza lavoro, procedendo anche con una forte svalutazione dei loro asset che, nel caso di Verizon, è arrivata a superare i 4 miliardi di dollari.

Strozzati dai social e non solo

Dopo una svalutazione da oltre 4 miliardi di dollari il gruppo Oath diventa Verizon Media

Ma cosa ha causato un così forte e rapido declino? È presto detto: una mancata strategia di sviluppo e la totale dipendenza dal mondo social. Sembrerà strano, a tratti assurdo, ma è così. Imperi -perché di veri imperi si parlava- sono stati costruiti su delle fondamenta d’argilla, il traffico generato dalle decine di pagine Facebook che avevano creato in pochi anni e che nel giro di poche settimane, con il cambio di un algoritmo, hanno perso tutta la loro forza propulsiva mostrando il re nudo.

Dalla sera alla mattina si sono accorti che nessuno vedeva più i loro articoli e, cosa ancor più grave, nessuno li andava a cercare. Una strategia basata sulla produzione di contenuti usa e getta, senza spessore e non unici era rovinosamente crollata lasciandogli tra le mani poco o nulla.

Sedotti e abbandonati

La Brand Page di BuzzFeed – 11 milioni di fan con interazioni minime.

La storia che lega tra loro questi editori digitali e Facebook è un po’ come una storia d’amore. L’azienda di Palo Alto ha coccolato e incentivato realtà come BuzzFeed ad investire e aumentare la propria presenza social garantendogli la massima visibilità, corsie preferenziali e anche un po’ di remunerazione. Un bel giorno però, come capita spesso, ci si sveglia e tutto è cambiato, quel che sembrava amore era solo un calesse e ti ritrovi con un pugno di mosche.

Ovviamente stiamo estremizzando, ma in sintesi è quel che è successo. BuzzFeed si è ritrovato con una visibilità più che dimezzata e incapace di sostenere il traffico necessario. Al contempo una strategia scellerata -che aveva totalmente “dimenticato” di creare valore attorno al brand, far sì che il brand offrisse qualcosa di veramente utile che la gente potesse e volesse ricercare- li ha lasciati del tutto scoperti anche dalla possibilità di fidelizzare l’utenza.

Nessuno cerca BuzzFeed sui motori di ricerca, nessuno è interessato a cercare “I 10 oggetti più rosa al mondo” e così è iniziato il rapido declino.

Il traffico mensile di Vice è passato da 50 milioni di utenti mese a 27 milioni in 12 mesi.

Ma BuzzFeed non è il solo, poche settimane fa Mic ha annunciato la propria cessione a Bustle Digital Group per 5 milioni. Refinery29, sito dedicato al lifestyle, ha licenziato il 10% dei dipendenti. E Vice Media ha annunciato cambi al vertice e una riduzione del 15% della forza lavoro.

Tutta colpa di Facebook

Poche ore dopo quesa “mattanza” di posti di lavoro sono giunte alla Federal Trade Commission numerose missive che invocano il breakup di Facebook, ovvero la scorporo e la cessione di WhatsApp e Instagram. L’accusa -a parere di molti decisamente seria- è che ormai si è in presenza di un monopolio che mina e controlla la libertà imprenditoriale, d’informazione e soprattuto la privacy.

È vero che Facebook li ha “traditi”, ma è stato il colosso di Paolo Alto a imporgli una strategia basata esclusivamente sull’acquisizione di traffico dai social? È stato forse Fb ha impedirgli di creare un valore aggiunto che facesse sì che gli utenti potessero anche pensare di sottoscrivere abbonamenti, come fatto dal New York Times?

Cosa fare ora?

Nell’annunciare i 250 licenziamenti -che erano stati preceduti da altri 100 sul finire del 2017- Jonah Peretti (chief executive di BuzzFeed) ha dichiarato che il gruppo punta ad investire in aree teoricamente più redditizie quali e-commerce e contenuti offerti su licenza. Tagli così consistenti e repentini fanno però intuire che l’obiettivo è un altro: preparare quel che resta del brand a possibili fusioni o cessioni.

Anche Vice è sulla stessa lunghezza d’onda e cercherà di rilanciarsi con una strategia incentrata sulla produzione di contenuti conto terzi, maggiore presenza nel mondo televisivo e lo sviluppo dell’agenzia pubblicitaria Virtue.

Non sappiamo se questi nuovi piani porteranno a qualche risultato -noi ne dubitiamo molto- ma di certo sappiamo che è suonata la campanella, la ricreazione è finita ed è ora che l’editoria si dia una mossa. Sfornare advertorial in massa, autocelebrarsi, vivere di ricordi del tempo che fu non basta più.

Tagli a BuzzFeed, Huffington Post e Verizon, new media in crisi
New York Times, 700 milioni di ricavi solo con il digitale. Ecco come.
Messenger, ora si possono cancellare i messaggi come su WhatsApp
Instagram, arrivano i Quiz nelle Stories
Tendenze Social Media per il 2019
UFO Verde e Viola Protone: ecco i Trend dei Colori nel 2019
Facebook e la Chiusura “Preventiva” di Pagine e Gruppi
Facebook (non) è Morto
Il Cucchiaio d’Argento supera i 3 milioni di Fan
Ecco come funziona davvero l’algoritmo di Instagram
Arriva IGTV, la nuova app di Instagram per caricare video lunghi fino ad un’ora
Il nuovo logo di Canale 5? L’ennesima occasione mancata in casa Mediaset
Quattroruote al Salone di Ginevra: Sempre più Social, Sempre più live!
Pandoro o Panettone? Il Sondaggio live più virale di Facebook
Alice TV, Prima Diretta Mondiale in Simulcast Digitale Terrestre – Facebook
Il Cucchiaio d’Argento raggiunge quota 2 milioni di fan
Il Cucchiaio d’Argento: 1 milione di fan! 100 mila fan in soli 7 giorni!
Il Cucchiaio d’Argento, 100.000 fan in 30 giorni! Un caso di Successo
Red Bull “Non ti mette le ali” e scatta una sanzione da 13 milioni di dollari
Il Nuovo Spot per la Fiat 500X
Quattroruote Advisor, la nuova Welcome Page
#Ristoranti la nuova Mobile App firmata Il Cucchiaio d’Argento
Il Cucchiaio d’Argento, La Nuova Piattaforma Quiz per chi Ama il Cibo

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più: Info sui cookiePrivacy Policy